30 ottobre 2017 | by Giovanni Fittante
Biotestamento, Romani (IDV): “La legge non abbassa l’impegno dei medici”

Roma, 30 ottobre – “Al centro del mondo di un medico c’è il benessere del proprio paziente. Spesso, molto spesso, questo benessere coincide con la sua guarigione e il ripristino e il mantenimento di uno stato di buona salute. Altre volte, purtroppo, il benessere è altro. Alcune persone si trovano a dover affrontare percorsi il […]

Roma, 30 ottobre – “Al centro del mondo di un medico c’è il benessere del proprio paziente. Spesso, molto spesso, questo benessere coincide con la sua guarigione e il ripristino e il mantenimento di uno stato di buona salute. Altre volte, purtroppo, il benessere è altro. Alcune persone si trovano a dover affrontare percorsi il cui esito è tristemente certo. Il medico, nei loro confronti, opera per aiutarli a mantenere il più alto grado di benessere possibile. In quei casi, tuttavia, per benessere si intende un insieme di morale alto, di attività sociale, di possibilità di continuare a condurre le loro vite nel modo migliore”. Lo dichiara il senatore Maurizio Romani (Idv) vicepresidente della Commissione Sanità. “Nessuno – precisa il parlamentare – mette in discussione questa missione della medicina. Il biotestamento, di certo, non vuole aprire le porte a orde di medici che non vedono l’ora di liberarsi dei pazienti scomodi per tornarsene a casa prima. Pensare questo, come sembra leggendo certi articoli di certi giornali, significa distorcere con malizia i fatti e le idee per creare polemica e fomentare rabbia. Il biotestamento sarà un processo comunque complesso, regolato e controllato. Non sarà possibile, per nessuno, schioccare le dita e ordinare ai propri medici di lasciarlo morire come se si ordinasse un cappuccino a un bar. Non è quello lo scopo della legge e non è quello, certamente, lo scopo della medicina”.  “Tuttavia – spiega ancora Romani – trovo sia miope non riconoscere che, semplicemente, esistono situazioni diverse e persone diverse, al mondo. Di conseguenza esistono limiti diversi per ognuno di noi, anche in quel che intendiamo e percepiamo come benessere. Il biotestamento non facilita la morte di nessuno e non abbassa l’impegno che i medici metteranno nel curare le persone, né abbasserà il loro talento e dedizione. Ma è giusto guardare in faccia la realtà e riconoscere che il dolore e le situazioni estreme esistono”. Per il senatore dunque “proprio per questo motivo, oggi, è necessario creare un sistema nuovo in cui ogni risorsa possa diventare uno strumento a disposizione del processo di terapia. Non mi stancherò di ripetere questi due concetti: che la medicina deve essere unica e integrata in tutte le sue branche, come unico e inscomponibile è l’essere umano; e che il benessere di una persona è un concetto che può cambiare al cambiare del paziente e che deve essere individuato, caso per caso, con il dialogo e con un approccio medico attento e specifico”.

 

Ufficio Stampa Gruppo Misto – Senato



Via dei Macci, 71/Rosso
50122 Firenze (FI)

Tel: 055/2001396
Cel: 328/6055599
Skipe: segreteriatoscanaidv
Email: toscana@italiadeivalori.it

Le nostre immagini
Ultimi tweet Giovanni Fittante
Italia dei Valori - Toscana | Tutti i diritti riservati ©